Il film è introdotto dal regista Carlo Verdone, ospite d’onore nel Palazzo della Gran Guardia (Piazza Bra 1, Verona), dalle ore 19.00.

Maledetto il giorno che t’ho incontrato

Regia: Carlo Verdone
Anno: 1992
Durata: 115 minuti
Cast: Carlo Verdone, Margherita Buy, Elisabetta Pozzi, Giancarlo Dettori, Alexis Meneloff, Christopher Owen, Anthony Morton, Gillian McCutcheon, Richard Benson, Simon Holmes, Max Cane, Stefania Casini, Dario Casalini, Ermanno De Biagi, Didi Perego, Peggy Phango, Renato Pareti, Count Prince Miller, Valeria Sabel, Gurdial Sira
Sceneggiatura: Carlo Verdone, Francesca Marciano
Fotografia: Danilo Desideri

Premi: 1992 David di Donatello: Migliore attrice protagonista Margherita Buy, Miglior Film, Miglior attore non protagonista Giancarlo Dettori e Miglior regia.

Sinossi: Bernando e Camilla si incontrano sul pianerottolo del loro psicanalista e tra uno sfogo, il racconto dei reciproci sintomi, pillole e nevrosi, tra i due nasce una simpatica amicizia. Il primo, giornalista a caccia di notizie su Jimi Hendrix su cui sta scrivendo una biografia, è stato lasciato dalla fidanzata Adriana, mentre la seconda è da tempo innamorata dell’analista. I due si incontrano di nuovo a Londra e in Cornovaglia, entrambi lì per lavoro, e il loro rapporto nevrotico si trasforma in amore.

Carlo Verdone esordisce con un film prodotto da Sergio Leone, Un sacco bello (1979), tratto dagli sketch da lui interpretati nella trasmissione televisiva Non Stop che avevano destato l’attenzione e il divertimento del grande regista. Nato a Roma nel 1950, figlio dello storico del cinema Mario Verdone, dopo la laurea in Lettere si diploma nel 1974 al Centro Sperimentale di Cinematografia con un saggio di regia tratto da Cechov. Gira due documentari ma nel 1976 si ritrova quasi per caso ad esibirsi al teatro dove presenta una serie di personaggi, caricature piene di tic, ispirati alla gente che incontra nel suo quartiere. Negli anni successivi fino ad oggi sono tantissimi i personaggi ispirati dalla realtà che lo circonda. Viene spesso considerato l’erede di Alberto Sordi che nel 1982 lo vuole per interpretare suo figlio in In viaggio con papa.

Acquista ora il biglietto